Dieta – Una questione di stile


Stagionali ,alla moda ,dei colori o paleo… Siamo bombardati da diete che promettono di risolvere in breve tempo qualsiasi eccesso di peso.

Per svariate ragioni, ancora oggi il concetto di dieta è associato ad un regime alimentare restrittivo, mirato prevalentemente alla perdita di grasso.

Il culto della magrezza si è trasformato in una religione e il cibo è diventato il pensiero dominante del nostro tempo. La devozione  viene manifestata eliminando cibi senza alcun fondamento logico, andando verso una cucina per sottrazione   dove la parola “senza” regna sovrana.

Quante volte avete sentito senza sale,senza olio,senza pasta,senza carne?

Cosi facendo a furia di sottrarre alimenti dalla nostra dieta si finisce per renderla estremamente povera correndo seri rischi per la propria salute sia “fisiologica” che “psicologica”, tanto da spingere un dietologo a coniare un termine per identificare questo circolo vizioso.

L’ ortoressia viene definita come un disturbo dell’alimentazione che si manifesta sotto forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratteristiche.

In realtà il sostantivo “dieta”” esprime qualcosa di più profondo. Dieta,in greco δίαιτα (dìaita),  significa stile di vita , inteso come l’insieme dei comportamenti, non esclusivamente alimentari, che caratterizza e influenza l’esistenza di ogni individuo. Oggi è riduttivo pensare alla salute come “assenza della malattia” ma bisogna intenderla come uno stato di benessere psicofisico.

Cattive abitudini alimentari, sedentarietà e stress concorrono nell’alterazione del nostro stato di salute. Il nostro corpo ci manda dei segnali, dei sintomi vaghi ed aspecifici definiti con l’acronimo inglese MUS (Medical unexplained symptoms):una larga famiglia di disturbi generici che non rientrano all’interno di quadri clinici patologici ma che concorrono ad abbassare drasticamente la qualità della vostra vita.

Stanchezza cronica, insonnia , gonfiore ,acidità  gastrica e problematiche intestinali sono sintomi  che ben si correlano ad una dieta non bilanciata simvastatin medication.

Con “bilanciata” intendiamo innanzitutto con una distribuzione corretta di tutti i macronutrienti (carboidrati, proteine, grassi) e micronutrienti (minerali e vitamine) atte a soddisfare i fabbisogni energetici e plastici dell’organismo, ma anche la qualità delle fonti da cui provengono questi nutrienti: è chiaro come 100gr di carboidrati provenienti dal cavolfiore hanno un impatto diverso rispetto a 100gr di carboidrati provenienti da una tortina da forno.

In conclusione non esiste una dieta migliore di un’altra, esiste la dieta che vi fa star bene, che migliora i vostri esami ematici e la vostra composizione corporea, che abbassa la vostra pressione e che non procuri eccessivi stress.

“Noi siamo ciò che mangiamo” citava il filosofo Ludwig Feuerbach, ma a furia di sottrarre cosa saremo?

 

+ There are no comments

Add yours